Il limpido cerchio della felicità

Il limpido cerchio della felicità

Anteprima Scarica anteprima
Osho riprende le riflessioni di Guru Nanak, uno dei mistici più intensi e rivoluzionari dell’India, completando il discorso iniziato con Al di là della paura, oltre il rancore. Nanak evidenzia alcuni dei fattori primari che, consciamente o inconsciamente, ci spingono a vivere rannicchiati in un piccolo senso dell’io che poco considera e rispetta l’insieme del nostro esistere: invidia, rancore, egoismo, timore di perdere quanto si possiede sono fattori che condizionano la nostra vita, i rapporti e soprattutto compromettono l’esistenza stessa del pianeta. In quest’ottica, l’opera è di sublime attualità... E Osho utilizza abilmente la visione e il messaggio di Nanak per tessere di fronte al lettore una visione liquida che apre a ciò che è l’esistenza, nel momento in cui la si comprende come “vivente”: una vibrazione inebriante, colta dai mistici – e da chiunque include l’introspezione e la meditazione nel proprio esistere – come armonia, pienezza, estasi, beatitudine. Insomma, quasi un destino differente – di certo un mondo diverso – nascosto dietro allo specchio deformante odierno che porta a vedere la realtà e noi stessi come un perenne conflitto, una lotta per sopravvivere, una battaglia apparentemente persa in partenza.

Dettagli libro

  • Editore

  • Testo originale

  • Lingua

    Italiano
  • Data di pubblicazione

  • Numero di pagine

    432
  • Traduttore

Sull'autore

Osho

Osho (1931-1990) nasce in un villaggio dell’India centrale e fin dall’infanzia dimostra uno spirito ribelle, insofferente a qualsiasi conformismo sociale e soprattutto religioso. A ventun anni vive quel risveglio che l’Oriente conosce come “illuminazione”, e lui definisce come nient’altro che essere se stessi: «Un illuminato è un semplice testimone del Tutto, libero da qualsiasi definizione. Se vuoi rinunciare a qualcosa, rinuncia alle definizioni, alle categorie. Non permettere a nessuno di classificarti. E allorché vedrai la tua qualità indefinibile, avrai trasceso il mondo, ti sarai illuminato». Da allora si è dedicato al risveglio della consapevolezza, invitando quanti si sono avvicinati a lui a introdurre la meditazione nella propria vita, ideando tecniche e metodi più consoni all’irrequietezza dell’uomo moderno. Oggi la sua visione e l’invito al risveglio sono un vero e proprio trampolino di lancio per centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo verso una vita di pienezza e di intima realizzazione. A Pune, in India, è tuttora attivo il Resort di Meditazione internazionale da lui voluto: un punto di riferimento per tantissimi “ricercatori del Vero”.

Ti potrebbe interessare