L'amore è tutto: è tutto ciò che so dell'amore

L'amore è tutto: è tutto ciò che so dell'amore

Anteprima Scarica anteprima

*** Vincitore Premio Bancarella 2014 ***

Michela Marzano guarda dentro di sé, nella propria infanzia, nelle storie amorose, dal rapporto con il padre e con la madre alle relazioni con gli uomini disperatamente desiderati. Ma il suo occhio indagatore, coraggioso, limpido, scopertamente vero, riesce a vedere così a fondo da uscire dai propri confini, per incontrare gli altri. Tutti. Il racconto abbraccia passato e presente: rievoca, osserva, interroga, chiamando a volte in causa altri autorevoli compagni di strada, filosofi, scrittori, sociologi, psicoanalisti. Giunge così a comprensioni parziali, punti d’arrivo che sono solo nuove partenze, nel corso del lungo, turbinoso, amorosissimo viaggio. In ciascuna di queste tappe è impossibile non riconoscersi. «L’amore, in fondo, è quel segreto che ci portiamo dentro.»

«Una partita libera tra mente e cuore» - Leonetta Bentivoglio, la Repubblica

«Le domande che si pone Michela Marzano ce le poniamo tutte, è inutile fingere il contrario» - Elvira Serra, Corriere della Sera

Dettagli libro

  • Editore

  • Testo originale

  • Lingua

    Italiano
  • Data di pubblicazione

  • Numero di pagine

    160

Sull'autore

Michela Marzano

Michela Marzano (Roma, 1970) ha studiato alla Scuola Normale Superiore di Pisa, dove ha conseguito un dottorato di ricerca in Filosofia. È autrice di numerosi saggi e articoli di filosofia morale e politica. In Italia ha pubblicato, tra gli altri, Estensione del dominio della manipolazione (2009), Sii bella e stai zitta (2010), Volevo essere una farfalla (2011), Avere fiducia (2012), Il diritto di essere io (2014). Per Utet ha pubblicato L’amore è tutto: è tutto ciò che so dell’amore (Premio Bancarella 2014) e Non seguire il mondo come va. Rabbia, coraggio, speranza e altre emozioni politiche (2015). Professore ordinario all’Université Paris Descartes, dirige una collana di saggi filosofici per le Edizioni PUF e collabora con “Repubblica” e “Vanity Fair”.

Ti potrebbe interessare