Storia universale della svastica Come un simbolo millenario è diventato emblema del male assoluto

Storia universale della svastica

Come un simbolo millenario è diventato emblema del male assoluto

Anteprima Scarica anteprima
«Se volete sapere che aspetto ha il logo dell’odio, non dovete cercare oltre»: da qui parte Steven Heller, celebre grafico e art director, per un’inedita ricognizione nella storia e negli abissi del male. Perché prima di diventare il fulcro della propaganda nazista, la svastica ha attraversato i secoli: come segno di buon auspicio, è comparsa nelle culture più disparate e in mille varianti. Fa impressione sfogliare questo libro riccamente illustrato, un curioso campionario di svastiche che va dall’India ai nativi americani, dall’antica Grecia alla pubblicistica di inizio Novecento, tra biglietti di auguri, scatole di biscotti e riviste per boy scout. Tutto questo patrimonio di immaginario è stato spazzato via dall’uso funesto che ne ha fatto Adolf Hitler, trasformando un simbolo del sole nell’emblema dello sterminio. Storia universale della svastica ripercorre questa vicenda straordinaria per ragionare sui meccanismi dell’appropriazione culturale, perché se l’estetica influenza il linguaggio, è anche vero che nessun “segno” è mai veramente neutro. Succedono cose, nella storia, che sembrano impossibili da cancellare. La svastica è tuttora impossibile da redimere: camuffata o esibita, viene riesumata dalle nuove destre, che siano i gruppuscoli nazionalisti dell’Est Europa, il nuovo suprematismo bianco o il microcosmo nerd dell’alt-right, che ha giocato un ruolo fondamentale nell’elezione di Donald Trump. È inevitabile che sia così: in una società sempre più visuale, la battaglia delle idee passa per forza anche dai simboli. Nonostante la sua perfezione estetica, o forse proprio per questo, la svastica è e forse resterà per sempre una ferita che sanguina.

Dettagli libro

  • Editore

  • Testo originale

  • Lingua

    Italiano
  • Data di pubblicazione

  • Numero di pagine

    240
  • Traduttore

Sull'autore

Steven Heller

Steven Heller è rettore della School of Visual Arts di New York. Art director e designer, nel corso degli anni è stato autore e coautore di numerose pubblicazioni sul design, la satira sociale e la cultura visuale. Nel 2011 ha ricevuto lo Smithsonian National Design Award per il suo lavoro.